ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Milano, al ristorante paghi in followers su Instagram

Milano, al ristorante paghi in followers su Instagram
Dimensioni di testo Aa Aa

L'idea è di quelle geniali. Un marketing 2.0, degno, per chi è amante del genere, della serie tv Black Mirror dove le ultime tecnologie la fanno da padrone. A Milano, al ristorante "This Is Not a Sushi Bar", vengono accettati anche pagamenti in followers. Piu' gente ti segue si Instagram e meno paghi.

Matteo Pittarello, Presidente "This is not a Sushi Bar":
"Buona parte dei nostri clienti sono della generazione dei Millenials, molte sono ragazze e la maggior parte di loro sono su Instagram. L'idea di far pagare in base ai followers è anche un modo per rendere virale il nostro marchio".

Dopo aver fatto la prima ordinazione, obbligatorio farsi una foto e postarla. Quindi il ristorante verifica e, da 1000 a 5 mila followers si ha diritto ad un piatto gratuito, da 5 mila a 10 mila i piatti gratis diventano due, da 10mila a 50mila quattro e via via fino ai profili con oltre 100 mila follower che avranno la cena gratis.

Insomma, dimmi quanti followers hai e piu' che dirti chi sei, ti offro da mangiare.... la battuta viene spontanea: ovvio che non ne hanno bisogno, ma non lo dite ai "Ferragnez" che mangerebbero sushi gratis vita natural durante.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.