EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Il Papa sulle orme di Comunismo e Nazismo

Il Papa sulle orme di Comunismo e Nazismo
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Al via questo sabato la quattro giorni di Papa Francesco nelle Repubbliche Baltiche. Prima tappa a Vilnius, con visita a un'ex prigione del KGB e al monumento delle vittime delle persecuzioni naziste

PUBBLICITÀ

Prove generali a Vilnius, per la quattro giorni di Papa Francesco in Lituania, Lettonia ed Estonia. Segnate dalle persecuzioni naziste e dall'occupazione sovietica, le tre repubbliche baltiche non erano destinazione di un viaggio apostolico dal lontano 1993. "Questo viaggio riflette l'intenzione del Pontefice di visitare i paesi periferici più che i centri del potere - spiega Mykolas Sotnichenka, Sottosegretario della Conferenza episcopale lituana -. La venuta di Papa Francesco interviene inoltre proprio quando la Lituania festeggia i 100 anni della sua indipendenza e i 25 dalla visita di Giovanni Paolo II. Stando alle statistiche, circa l'80% della popolazione si definisce cattolica, contro appena il 21% in Lettonia e meno dell'1% in Estonia". 

In visita sulle orme di Comunismo e Nazismo

Vilnius Papa Francesco visiterà un'ex prigione del KGB e il monumento alle vittime delle persecuzioni naziste, nel ghetto della città. "La nostra speranza è che qui vengano in 40.000 - ci dice una volontaria, che aiuta nei preparativi -. Ma tra Kaunas e il resto del Paese le persone saranno molte di più: non so, forse anche più di 1 milione...". Sabato e domenica in Lituania, il Papa proseguirà poi il suo viaggio in Lettonia e in Estonia.

Un manifesto che annuncia la visita del Papa, nella capitale estone Tallinn
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il papa al ghetto di Vilnius: "Vigilare contro l'antisemitismo"

Bergoglio: La Lituania esempio di dialogo e accoglienza

Paesi baltici: 75 anni fa le deportazioni di massa sovietiche in Siberia