ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Salisbury: due intossicati in ristorante, è stessa località di caso Skripal

Lettura in corso:

Salisbury: due intossicati in ristorante, è stessa località di caso Skripal

Salisbury: due intossicati in ristorante, è stessa località di caso Skripal
Dimensioni di testo Aa Aa

Una coppia si è sentita male all'interno di un ristorante italiano a Salisbury, che è stato immediatamente isolato: sul posto sono intervenuti i sanitari con tute e maschere isolanti. A scopo precauzionale, dicono le autorità locali, e diffondono notizie rassicuranti sui due pazienti, ma inquietano le coincidenze. Perché a Salisbury furono intossicati, si è poi scoperto con il Novichok, l'ex spia russa Sergei Skripal e la figlia. Anche allora fu isolato un ristorante italiano in cui erano stati poco prima. Mesi dopo, è stata intossicata un'altra coppia, e la donna è poi deceduta. Avevano ritrovato la boccetta di profumo in cui si sospetta fosse stato trasportato il Novichok per Skripal. Scotland Yard ha poi identificato due russi che ritiene autori del tentato omicio di Skripal, cosa che Mosca smentisce, così come smentisce che si tratti di agenti del GRU.

In tarda serata la zona restava isolata. La stampa britannica riportava poi alcune testimonianze, tra le quali quella di una donna, che in un posto su Facebook affermava di essere stata portata in ospedale per test sanguigni. I due intossicati eranop, per lei, russi. Non c'è al momento alcuna conferma, e potrebbe trattarsi di un'ipotesi formulata senza elementi, in una situazione di forte stress emotivo anche a causa dei precedenti nella stessa città.

Secondo un altro testimone, i sanitari avrebbero chiamato i colleghi della polizia perché i sintomi corrisponderebbero a quelli dell'avvelenamento da Novichok.

Le autorità sanitarie hanno immediatamente precisato che si è trattato di una decisione prudenziale: l'assunzione di alcune droghe dà sintomi simili, ma nel dubbio e visti i casi precedenti era meglio tutelarsi.