Siria: l'arte "sboccia" dalle macerie

Siria: l'arte "sboccia" dalle macerie
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dodici artisti impegnati in una performance tra le rovine del campo di Yarmuk, periferia di Damasco

PUBBLICITÀ

Fiori che spuntano dalle macerie. Appaiono così, nei loro colori, le tele dipinte da dodici artisti impegnati in una performance nel campo di Yarmuk, alla periferia di Damasco.

Prima della guerra era un affollato quartiere di rifugiati palestinesi, ospitati nell'area dagli anni Cinquanta. Secondo le Nazioni Unite qui vivevano 160mila persone. Oggi è un deserto.

"Il nostro obiettivo è ridare vita a questo luogo, praticamente morto. L'arte è vita, quando dipingiamo doniamo la vita", dice l'artista Mais Khalouf.

A maggio il regime di Bashar al-Assad ha ripreso il controllo di quella che era diventata una roccaforte del sedicente Stato Islamico. Ma difficilmente le persone potranno tornare presto a vivere in un luogo così martoriato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siria, morti e feriti per un attacco aereo russo in un'area controllata dalle milizie ribelli

Sei mesi di guerra a Gaza: oltre 33mila morti, in Israele maxi protesta contro Netanyahu

La guerra in Ucraina preoccupa l'Europa: in caso di conflitto leva obbligatoria nei Paesi Bassi