Le contromisure di Ankara verso gli USA

Le contromisure di Ankara verso  gli USA
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Erdogan rimanda agli Usa le stesse sanzioni che Washington gli ha inflitto. La pietra dello scandalo è l'arresto del pastore statunitense Brunson accusato in Turchia di essere una spia

PUBBLICITÀ

Le tensioni fra USA e Turchia sono ormai una costante dopo che Washington ha inflitto sanzioni ai due dei ministri dell'esecutivo Erdogan che hanno armato il processo a carico di un pastore statunitense accusato di sostenere il terrorismo in Turchia. Azioni che il governo turco considera inacettabili fra paesi alleati.

Controsanzioni di Erdogan

Così  Erdogan  ha ordinato il congelamento in Turchia tutti i beni dei ministri della giustizia e degli interni degli Stati Uniti, qualora ce ne siano. "La Turchia non può essere bacchetata in questo modo" ha tuonato il presidente turco in occasione del suo discorso alle sezioni femminili del suo partito.

Il crollo della lira turca

La pietra dello scandalo è la detenzione in Turchia del pastore americano Andrew Brunson accusato non solo di attività  "terroristiche" ma anche di spionaggio. Washington ha quindi imposto sanzioni contro i ministri dell'interno e della giustizia turchi, che avrebbero manipolato il caso. Il risultato è intanto squisitamentze finanziario con la lira turca crollata nuovamente ai minimi storici davanti al dollaro.

Tuttavia il segretario di stato USA Mike Pompeo nonostante le tensioni con la Turchia sulla detenzione di Brunson,  sostiene che Ankara rimane un alleato chiave della Nato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Turchi ingrati", così i sostenitori di Erdoğan dopo la sconfitta a Istanbul e Ankara

Turchia: elezioni amministrative al via, un morto e 12 feriti in Kurdistan

Turchia: due militanti pro-Gaza prendono ostaggi in una fabbrica del gruppo Procter & Gamble