EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Trump-Conte: "Siamo i governi del cambiamento"

Trump-Conte: "Siamo i governi del cambiamento"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Stati Uniti e Italia annunciano intesa su diversi temi: immigrazione, terrorismo e commercio

PUBBLICITÀ

Un'intesa che era già nell'aria dal G7 in Canada quella tra il premier Giuseppe Conte e il presidente americano Donald Trump, confermata nella conferenza stampa al termine del bilaterale alla Casa Bianca. Nel nome del cambiamento, che accomuna sia il governo italiano che quello americano, sintonia tra i due paesi su diversi temi immigrazione terrorismo e commercio.

Donald Trump: Oggi il primo ministro ed io vorremmo annunciare l'avvio di un dialogo strategico tra Italia e Stati Uniti che rafforzerà la collaborazione tra i due paesi su una serie di questioni

Cruciale per l'italia ottenere l'investitura del ruolo di mediatore tra Washington e l'Europa soprattutto sui temi che riguardano la Libia:

Giuseppe Conte: Garanzie da Trump che gli interessi delle aziende italiane non vengano toccati con particolare riferimento ai prodotti dell'agroalimentare

Donald Trump: Qualche giorno fa mi sono incontrato con il presidente Juncker della Commissione Europea abbiamo avuto un incontro proficuo dopo quel faccia a faccia siamo giunti alla decisione di rimuovere le barriere commerciali aumentando le esportazioni americane

Un passaggio anche sulla Russia, l'Italia come gli Stati Uniti resta aperta al dialogo con Mosca ma le sanzioni non possono essere rimosse da un giorno all'altro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti, condannato il figlio di Biden Hunter: "Rispetto la giustizia" dice il presidente Usa

Trump colpevole per i pagamenti a Stormy Daniels: prima condanna a un ex presidente, pena a luglio

Usa, l'ex vicepresidente Pence: "Io contro l'isolazionismo, dobbiamo sostenere gli alleati"