This content is not available in your region

'Caso Erdogan', Löw: "Gündogan e Özil si aspettino fischi"

Access to the comments Commenti
Di Cinzia Rizzi
euronews_icons_loading
'Caso Erdogan', Löw: "Gündogan e Özil si aspettino fischi"

Non si smorzano le polemiche attorno al "caso Erdogan", che ha coinvolto il mese scorso due giocatori della nazionale tedesca, Ilkay Gündogan e Mesut Özil. I due - entrambi nati a Gelsenkirchen ma di origine turca - a maggio erano finiti sulle prime pagine dei giornali tedeschi, per la foto scattata insieme al controverso presidente della Turchia. Il ct della Mannschaft, Joachim Löw è tornato sull'argomento, in Russia.

"E' possibile che vengano fischiati durante le partite, è così. Vorrei fosse diverso ma non ci possiamo fare niente", ha dichiarato in conferenza stampa Löw.

Fischiati durante le ultime amichevoli pre-Mondiali, Gündogan e Özil dovranno provare a "non farci caso", come suggerito loro dal team manager della Germania, Oliver Bierhoff. La cancelliera Angela Merkel, dal canto suo, ha provato a smorzare le polemiche: "Penso non abbiano considerato i possibili effetti della loro foto con Erdogan, ma penso anche che tutti noi abbiamo bisogno di loro per fare bene al Mondiale, quindi sarei felice se i tifosi li applaudissero".