Iran, dura reazione del presidente Rouhani alle nuove minacce degli USA

Iran, dura reazione del presidente Rouhani alle nuove minacce degli USA
Di Simona Zecchi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"Chi sei tu per decidere per l'Iran e il mondo? Il tempo per queste azioni è finito" Il presidente iraniano Hassan Rouhani respinge così al mittente, il segretario di Stato americano Mike Pompeo, le minacce di sanzioni Usa "senza precedenti se Teheran non cambierà rotta"

PUBBLICITÀ

"Chi sei tu per decidere per l'Iran e il mondo? Il tempo per queste azioni è finito", Il presidente iraniano Hassan Rouhani respinge così al mittente, il segretario di Stato americano Mike Pompeo, le minacce di sanzioni Usa senza precedenti se Teheran non "cambierà rotta" e non accetterà la lista dei 12 punti per una nuova strategia.

Arriva, poi, a supporto del presidente iraniano, il tweet del suo ministro degli esteri, Javad Zarif:

"La finzione diplomatica statunitense è una mera regressione a vecchie abitudini, imprigionata dalle delusioni e politiche fallimentari, dettata da speciali interessi corrotti", ha twittato Zarif.

Il rifiuto di Trump all'accordo ha, per il momento, unito in una unica reazione l'Europa affinché invece l'accordo sia portato avanti anche perché, ha affermato l'Alto rappresentante dell'Unione Europea Federica Mogherini, "non esistono alternative". "Il discorso di Pompeo"- ha poi aggiunto in un tweet la Mogherini - "non ha dimostrato come uscire dall'accordo abbia reso o renderà il medio oriente più sicuro".

Il trattato impegnava l’Iran a cessare le sue ricerche nucleari e gli Stati Uniti a sospendere una parte importante del suo embargo, motivato da quell’allarme.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iran: l'Unione Europea ha avviato la procedura per lo statuto di blocco

Medio Oriente: Pasdaran sequestrano nave "legata a Israele"

Elezioni in Iran: la maggioranza dei seggi ai candidati ultraconservatori, astensionismo record