EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Le migliori scene iniziali al botteghino: le scelte europee

Le migliori scene iniziali al botteghino: le scelte europee
Diritti d'autore 
Di Simona Zecchi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Bastano 17 minuti per decretare il successo di una pellicola. Questo il senso della ricerca realizzata da Mastercard sulle cinque migliori scene d'apertura dei film piu famosi dal titolo "Lights, camera, action".

PUBBLICITÀ

Bastano 17 minuti per decretare il successo di una pellicola. Questo il senso della ricerca realizzata da Mastercard sulle cinque migliori scene d'apertura dei film piu famosi. "Lights, camera, action" è il titolo dato allo studio che non poteva certo ignorare l'ingresso sempre più importante ormai di Netflix nella scena cinematografica in termini di produzioni proprie e di successo appunto.

Trentaduemila appassionati di cinema in 15 paesi europei hanno scelto cinque tra i più famosi showreel di apertura: Titanic (1997), Il Re Leone (1994), Pulp Fiction (1994), Star Wars Episodio IV (1977) e Lo Squalo (1975) che più segnano le emeozioni durante la visione. Il "re d'Europa" è quindi il regista Steven Spielberg il cui film è stato votato in ben sei Paesi. Mentre a far scendere lacrime e palpitare cuori sono la canzone e la scena iniziali de "Il Re Leone".

Ma il dato piu interessante della ricerca sono quei 17 minuti iniziali che, secondo i giovani europei, soprattutto coloro che divorano Netflix, fanno volare i film al botteghino. Come l'incipit di un romanzo o l'attacco di un articolo giornalistico tutto sembra dipendere da quella manciata di iniziali emozioni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cinema: la Disney presenta il nuovo film su Winnie the Pooh

Cannes: il cinema europeo cresce e con lui anche i suoi 'fratelli minori'

Cannes, parte la 77esima edizione del Festival: possibili polemiche su #MeToo, Gaza e Ucraina