Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In fuga dal carcere, 'nonna nazi' arrestata in Germania

In fuga dal carcere, 'nonna nazi' arrestata in Germania
Diritti d'autore
Reuters
Dimensioni di testo Aa Aa

Lo scorso ottobre era stata condannata a sei mesi di carcere per "negazionismo" e oggi avrebbe dovuto cominciare a scontare la sua condanna. Ursula Haverbeck, conosciuta in Germania come la 'nonna nazi', non si è però presentata al carcere di Bielefeld, nella Renania Settentrionale-Vestfalia. La polizia si è così messa sulle sue tracce e l'ha trovata verso le 13.30 a Vlotho. Per la donna sono scattate le manette.

In Germania Ursula Haverbeck è una 'celebrità'. Vedova di Werner Georg Haverbeck, ex funzionario nazista e attivista di estrema destra morto nel 1999, è stata condannata più volte per le sue dichiarazioni sull'Olocausto, ma finora non aveva mai passato un giorno in carcere a causa dell'età avanzata. Nel gennaio del 2016 aveva dichiarato durante un evento pubblico a Berlino che le camere a gas nel campo di concentramento di Auschwitz "non sono mai esistite", mentre nel 2015 aveva detto che "l'Olocausto è la più grande bugia della storia".

Sul suo sito la Haverbeck si definisce una "rappresentante del revisionismo storico" e si vanta di essere "un'intrepida combattente per la verità". Assieme al marito aveva fondato un centro di addestramento di estrema destra, chiuso nel 2008 per propaganda nazista. In Germania negare l'Olocausto è un crimine e la pena prevista per questo reato arriva fino a 5 anni di reclusione.