ULTIM'ORA

Colombia: requiem per gli accordi di pace?

Colombia: requiem per gli accordi di pace?
Dimensioni di testo Aa Aa

Un corridoio umanitario alla frontiera fra Ecuador e Colombia per restituire i corpi dei tre giornalisti uccisi qualche settimana fa. Lo chiede il capo della dissidenza delle Farc, Walter Patricio Arizala, alias ‘Guacho’. Per le sue imprese sono saltati vari ministri a Quito. I dissidenti chiedono un cessate il fuoco anche per liberare, dicono, una coppia equatoriana sequestrata un paio di settimane fa.

Per i media della regione però, la richiesta sembra una presa in giro. La dimostrazione che il processo di pace con le Farc non è mai stato così sofferente. È di qualche settimana fa l'arresto di Jesus Santrich, numero due dell'ex gruppo guerrigliero, per narcotraffico. Rischia l'estradizione negli Usa per aver trafficato droga per diversi milioni di dollari. I suoi compagni di partito hanno inoltre rifiutato di sedere in parlamento e minacciato gli accordi. Tutto questo a poche settimane dal primo turno delle presidenziali a Bogotà il cui risultato potrebbe, per davvero, rimettere in discussione concessioni e accordi con le Farc dato che il candidato della destra Ivan Duque, in testa nei sondaggi, auspica un diverso comportamento nei confronti delle ex Forze Armate Rivoluzionarie di Colombia.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.