EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Il Ticino canta fortissimo

Il Ticino canta fortissimo
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"Filling the music", da Lugano un successo planetario

PUBBLICITÀ

Tutti possono cantare, soprattutto i bambini. Perché non ci sono ragazzini stonati. È la convinzione di Tamara Brenni e Marco Pozzi che hanno creato Filling the music, un progetto realizzato in Ticino che coinvolge anche l'Italia. L’obiettivo è quello di valorizzare i giovani cantanti di età compresa tra i 5 e i 18 anni, attraverso la dimensione del coro e del gruppo, eseguendo i brani dei superbig della canzone.

Tamara Brenni in che cosa consiste questo metodo?

"Io lo chiamo mente-corpo-voce. Attraverso l'uno si può scoprire qualcosa dell'altro. Per cui a volte parlo alla mente a volte allla voce. Dev'essere tutto in equilibrio per trovare una voce vera. A volte i ragazzini dicono "sono stonato", e tu ti accorgi che c'è qualcosa che non va nel corpo. Sistemi il corpo e improvvisamennte il bambino non è più stonato. Oppure ha dei disturbi, magari legati alla famiglia, alla scuola o a qualcos'altro, tu ci parli, osservi il corpo e quello che succede e parlando di certi argomenti piano piano ti accorgi che la voce da bassa, quasi impercettibile, diventa un vocione forte chiarissimo e comincia a esprimersi. E lì che capisci che hai ottenuto qualcosa".

Il metodo è rivoluzionario perché i ragazzi riescono anche a cantare in lingue non loro. Spiega Marco Pozzi, direttore esecutivo

il coro era stato contattato dalla federazione di football svizzera per cantare prima della partita Svizzera-Moldavia l'inno elvetico. Appena una settimana prima la Federazione si è resa conto che sarebbe stata una scortesia cantare l'inno svizzero dal vivo e suonare l'inno moldavo. Per cui volevano annullare. Tamara ha invece detto al suo interlocutore: "Non c'è problema, l'inno moldavo lo impariamo!". Il dirigente le ha risposto: "Ma mancano 5 giorni!" E Tamara ha ribattuto: "Ci fate una prova. Se siamo in grado di cantare, se la federazione moldava dice che stiamo cantando l'inno correttamente, poi noi, il giorno dopo, canteremo". E così è stato. La cosa è andata benissimo e da lì mi è venuta l'idea di fare un progetto con le cover di canzoni famose".

Un successo incredibile che su youtube ha fatto decine di milioni di visualizzazioni in poche settimane e che non sembra destinato a finire.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

A Shepetivka, in Ucraina, il doposcuola tra armi e addestramento militare

Guerra in Ucraina: accordo tra Kiev e Mosca per lo scambio di 48 bambini sfollati

Venezia: al via la Biennale segnata dalle guerre in Ucraina e Medio Oriente