EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Niente accordi, Israele libera i migranti

Niente accordi, Israele libera i migranti
Diritti d'autore 
Di Maria Elena Spagnolo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un gruppo è stato trasferito dalla prigione di Saharonim a Tel Aviv

PUBBLICITÀ

Prima detenuti, poi rilasciati senza una meta. Israele ha liberato alcuni migranti di origine africana dopo il fallimento di vari accordi per deportarli all'estero.

L’ultimo episodio il 2 marzo, quando Netanyahu aveva annunciato il ricollocamento di migliaia di migranti in paesi occidentali in collaborazione con l'UNHCR , per poi fare marcia indietro dopo le critiche. Alcuni di loro hanno protestato a Gerusalemme.

"Siamo grati al popolo di Israele, perchè viviamo con loro da oltre un decennio, siamo molto grati per questo. Il governo, invece, ci sta torturando. Adesso è anche una guerra psicologica. Ci usano per i loro fini politici, noi rifugiati chiediamo per favore di smettere di torturarci, la nostra psiche, siamo esseri umani", spiega un rifugiato.

In Israele vivono circa 37mila migranti, la maggior parte provenienti da Eritrea e Sudan.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele: il dietrofront di Netanyahu sui migranti

Israele: migranti, sospesa l'intesa con l'Onu

Guerra a Gaza: colloqui in stallo, "catastrofe igienico-sanitaria"