EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

"Detenzione illegittima. Violati i diritti di due giornalisti turchi"

"Detenzione illegittima. Violati i diritti di due giornalisti turchi"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Corte Europea dei diritti dell'uomo condanna Ankara: "Ha ignorato l'ordine di liberazione della Corte costituzionale e li ha privati dei diritti alla libertà, sicurezza e libertà d'espressione". Un pronunciamento a cui ora si aggrappano gli oltre 150 giornalisti turchi ancora dietro le sbarre

PUBBLICITÀ

La Corte Europea dei diritti dell'uomo ha condannato Ankara per aver violato i diritti fondamentali di due giornalisti turchi, mantenuti in detenzione provvisoria in seguito al fallito colpo di stato del 2016. 

Qui il testo integrale del giudizio emesso dalla Corte Europea dei diritti dell'uomo

Il Tweet con cui la Corte Europea dei diritti dell'uomo rimanda al suo pronunciamento

"Violati i diritti alla libertà, alla sicurezza e alla libertà d'espressione"

In merito ai casi di Mehmet Altan, a febbraio condannato al carcere a vita per aver "tentato di sovvertire l'ordine costituzionale" e di Sahin Alpay - uscito invece dal carcere venerdì e da allora ai domiciliari -, i giudici di Strasburgo hanno in particolare parlato di violazione dei diritti alla "libertà", "alla sicurezza" e alla "libertà d'espressione" e bocciato il mancato recepimento di un giudizio della Corte Costituzionale turca, che a gennaio aveva già ordinato la loro liberazione. 

Qui il comunicato stampa (in inglese) con cui la Corte Europea dei diritti dell'uomo illustra il suo giudizio

Il giornalista Sahin Alpay, liberato dal carcere sabato e da allora ai domiciliari

Un pronunciamento che farà giurisprudenza? A sperare sono gli oltre 150 giornalisti ancora detenuti in Turchia

Il pronunciamento della Corte dei diritti dell'uomo potrebbe ora scrivere una fondamentale pagina di giurisprudenza per gli oltre 150 giornalisti ancora in stato di detenzione in Turchia, nel quadro della repressione messa in atto da Ankara, dopo il fallito colpo di stato del luglio di due anni fa.

Una manifestazione in Turchia per la libertà di stampa e contro gli arresti di giornalisti (immagine di archivio)
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Giornata mondiale della libertà di stampa, Reporter senza frontiere: giornalisti sotto pressione

Un anno di carcere russo per il giornalista Usa, Evan Gershkovich

Bielorussia, oppositori e media celebrano la Giornata della Libertà