ONU vota "no" a Gerusalemme capitale Israele

ONU vota "no" a Gerusalemme capitale Israele
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L'Assemblea generale ha approvato a larghissima maggioranza la risoluzione presentata da Yemen e Turchia che condanna la decisione del presidente Trump: è passata con 128 voti a favore, 9 contro e 25 astensioni. Gli Stati Uniti: *Ricorderemo questo voto"

PUBBLICITÀ

L'Assemblea generale dell'Onu ha approvato a larga maggioranza la risoluzione presentata da Yemen e Turchia che condanna il riconoscimento di Gerusalemme capitale di Israele da parte di Trump. Decisione che ribadisce quanto la causa palestinese goda di sostegno internazionale. Gli Usa hanno esplicitamente minacciato di rappresaglia i Paesi che si sarebbero espressi contro di loro.

Per il ministro degli esteri palestinese ha spiegato che la decisione statunitense è un'aggressione sul diritto naturale del popolo palestinese alla città di Gerusalemme.Un voto che influisce naturalmente sul posizionamento degli Stati Uniti come mediatori della pace in medio oriente.

NIKKI HALEY, AMBASCIATORE DEGLI STATI UNITI ALLE NAZIONI UNITE:

*"Questo è un voto che gli Stati Uniti ricorderanno. Ricorderanno il giorno in cui sono stati attaccati per aver esercitato il loro diritto come nazione sovrana. Questo voto farà la differenza su come gli americani guarderanno l'Onu e i Paesi che ci mancheranno di rispetto". *

MEVLUT CAVUSOGLU, MINISTRO ESTERO DELLA TURCHIA:

"Prima di questo incontro, uno Stato membro delle Nazioni unite ha minacciato tutti gli altri membri, è stato chiesto a tutti di votare 'no' per non affrontare conseguenze. Questo è bullismo, un atteggiamento inaccettabile. Non ci lasceremo intimidire da nessuno. Potete anche essere forti, ma ciò non vuol dire che abbiate ragione".

La risoluzione e' passata con 128 voti a favore, 9 contro e 35 astensioni

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Scavi archeologici nei territori palestinesi, così Israele giustifica i suoi insediamenti

Vertice Francia-Palestina, USA imputati