ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Polonia più vicina a sanzioni Ue: la Commissione avvia la procedura per l'attivazione dell'articolo 7

Lettura in corso:

Polonia più vicina a sanzioni Ue: la Commissione avvia la procedura per l'attivazione dell'articolo 7

La corte Suprema e di Appello di Varsavia
@ Copyright :
REUTERS/Kacper Pempel
Dimensioni di testo Aa Aa

La Polonia ha violato lo stato di diritto, e sarà quindi sottoposta alla procedura dell'articolo 7 del Trattato di Lisbona. L'ha annunciato il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans. Una decisione senza precedenti nella storia dell'Unione europea, che apre la strada alla possibile adozione di sanzioni.

"Lo stiamo facendo per la Polonia - ha voluto chiarire Timmermans -, lo stiamo facendo per i cittadini polacchi. Io credo sinceramente che ogni singolo cittadino di uno Stato membro dell'Unione europea abbia diritto a una giustizia indipendente. E credo che nel modo di operare dell'Unione europea, la forza dell'Unione europea stia nell'uguaglianza di ciascuno di fronte alla legge".

A innescare la reazione di Bruxelles è stato il ripetuto rifiuto di Varsavia di ritirare la controversa riforma della giustizia. Il primo ministro Mateusz Morawiecki in un tweet ha difeso le scelte del suo governo.

"La Polonia è devota allo Stato di diritto quanto il resto dell\'Ue. L\'attuale riforma giudiziaria è profondamente necessaria. Il dialogo tra la Commissione e Varsavia deve essere aperto e onesto. Credo che la sovranità della Polonia e l\'idea di un\'Europa unita siano conciliabili"

L'Ungheria ha già fatto sapere che porrà il veto all'adozione dell'articolo 7. 

La riforma contestata prevede che Corte di cassazione e Consiglio superiore della magistratura cadano sotto il controllo del governo, mettendo in pericolo, secondo Bruxelles, l'indipendenza dei giudici.