ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Albania, scontri fuori dal parlamento e fumogeno in aula

Lettura in corso:

Albania, scontri fuori dal parlamento e fumogeno in aula

Albania, scontri fuori dal parlamento e fumogeno in aula
@ Copyright :
REUTERS/Florion Goga
Dimensioni di testo Aa Aa

Scontri davanti al parlamento albanese a Tirana, questa mattina. Migliaia di sostenitori dell'opposizione hanno protestato davanti alla Kuvendi i Shqipërisë, l'Assemblea della Repubblica, nel tentativo di fermare la maggioranza al potere impegnata ad eleggere un nuovo procuratore generale temporaneo. 

I manifestanti si sono scontrati con la polizia che ha ricorso all'uso del gas lacrimogeno per disperderli. Ci sarebbero alcuni feriti, riporta AP. 

All'interno dell'aula sono scoppiate violenti liti tra parlamentari. Uno di essi ha acceso un fumogeno, come si può vedere nel video qui sopra. La sessione è stata interrotta quando le guardie di sicurezza non hanno permesso all'ex Primo Ministro Sali Berisha, ora all'opposizione, di pronunciare un discorso.

I partiti dell' opposizione ritengono che la maggioranza al potere stia violando lo spirito della costituzione eleggendo un nuovo procuratore temporaneo in un momento in cui il Consiglio superiore della procura, l'organo a cui spetta l'elezione, non si è ancora insediato. 

Secondo il capo del gruppo parlamentare socialista al governo, Taulant Balla, la commissione sarà creata in poche settimane ma "un'istituzione così importante non può rimanere vacante per neanche un giorno". 

Il Parlamento ha votato oggi la nomina di Arta Marku a procuratore generale ad interim, iniziativa sostenuta dall'Unione europea e dagli Stati Uniti, che hanno aiutato l'Albania ad elaborare le riforme giudiziarie. Sostituisce Adriatik Llalla. 69 i voti a favore, 2 astensioni, 2 contrari. 

Esse sono necessarie affinché il paese possa lanciare i negoziati di adesione all'UE. Tuttavia, nonostante siano state avviate, non è ancora stata creata una commissione permanente per la nomina di un procuratore generale. 

L'Albania, membro della NATO dal 2009, ha ottenuto lo status di paese candidato all'adesione UE nel 2014 e spera di avviare i negoziati l'anno prossimo.