EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Myanmar, non solo Rohingya

Myanmar, non solo Rohingya
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

135 gruppi etnici in Myanmar molto spesso in lotta fra di loro. Fra di essi il dramma dellla minoranza cristiana dei Kachin

PUBBLICITÀ

I Rohingya non sono l’unica minoranza discriminata in Myanmar. A soffrire anche altri gruppi come i rifugiati cattolici della minoranza Kachin, che vivono nel campo profughi della città di Winemaw, nello stato Kachin, nella parte settentrionale del Myanmar. Una zona a maggioranza cristiana.

I Kachin sono profughi a causa della guerra civile tra l'esercito birmano e i gruppi armati Kachin: uno dei tanti conflitti a sfondo etnico del Paese, composto, a livello sociale, dalla maggioranza bamar (birmani) e da 135 minoranze etnico linguistiche.

La guerra civile tra il Kachin Independent Army (KIA) e le truppe governative dura dal 1965. Nel 2010 è stato negoziato un cessate il fuoco, poi violato nel 2015. La guerra ha costretto centinaia di migliaia di Kachin (tra i 7 principali gruppi etnici del Myanmar), a fuggire e trovare riparo nei campi profughi.

I Vescovi birmani hanno denunciato che oltre 150.000 persone sopravvivono nei campi profughi, ridotte alla condizione di sfollati e in attesa di aiuti internazionali

Le loro terre sono disseminate di ordigni, secondo le ong che si occupano di diritti umani e secondo la chiesa. Senza contare il traffico di esseri umani e di droga. Anche le le miniere di giada sono saccheggiate. Questa è la causa principale del conflitto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Papa in Myanmar: "Guarigione delle ferite priorità politica fondamentale". Il discorso completo

San Suu Kyi esce dal carcere, l'ex leader civile del Myanmar trasferita ai domiciliari

Myanmar: liberi quasi 10mila prigionieri, rimane in carcere Aung San Suu Kyi