EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

A Palermo la rivolta dei commercianti contro il pizzo

A Palermo la rivolta dei commercianti contro il pizzo
Diritti d'autore 
Di Salvatore Falco
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Decapitato il clan di Borgo Vecchio, arrestate 17 persone

PUBBLICITÀ

La rivolta dei commercianti decapita il clan di Borgo Vecchio a Palermo e rivela un giro di estorsioni che coinvolgeva praticamente tutti. Diciotto commercianti hanno ammesso di avere dovuto pagare il pizzo. Per gli altri si profila l’iscrizione nel registro degli indagati per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra.

Il clan mafioso di Borgo Vecchio avrebbe utilizzato persino un ragazzino di sedici anni per riscuotere i soldi dalle vittime delle estorsioni.

‘Fioraio 300’, ‘Occhiali 200’, ‘Esso Porto 400’, Sono soltanto alcune delle voci del ‘libro mastro’ trovato dai carabinieri che ha portato all’arresto di 17 persone.

A raccontare i retroscena del pagamento del pizzo è stato il pentito di mafia Giuseppe Tantillo, che è stato rinnegato dalla famiglia dopo che si era sparsa la notizia della sua collaborazione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mafia: colpita la rete di Matteo Messina Denaro

Italia: la mafia utilizza spacciatori di 6 anni

Cosa sappiamo finora della morte di Angelo Onorato, marito dell'eurodeputata Francesca Donato