EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Arabia Saudita, la resa dei conti (congelati)

Arabia Saudita, la resa dei conti (congelati)
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Fra le persone coinvolte anche il 41° uomo più ricco al mondo, con un patrimonio di 17 miliardi di euro

PUBBLICITÀ

Le autorità di Riyad si apprestano a congelare i beni delle persone arrestate nella Mani pulite saudita. Provvedimenti di giustizia sono stati emessi contro decine di nomi eccellenti, fra principi, ministri e uomini d’affari, con l’obiettivo, secondo i commentatori, di rinsaldare la presa sul potere dell’erede al trono di Re Salman, ossia il figlio Mohammad Bin Salman, ministro della difesa, nonché principe ereditario da giugno e capo del nuovo Comitato anti-corruzione.

Non si tratta di pochi spiccioli, visto il profilo dei personaggi coinvolti. Un nome per tutti, il principe Alwaleed bin Talal , 41° uomo più ricco del mondo, secondo la rivista Forbes, patrimonio personale che supera l’equivalente di 17 miliardi di euro.

Fra i caduti in disgrazia anche il principe Miteb bin Abdullah, già capo della Guardia nazionale e ritenuto fino all’avvento del figlio di Salman, possibile concorrente al titolo di erede al trono.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'hotel di lusso diventa prigione: ma l'ex ministro ne è uscito

Il lancio dei sassi nel rituale della "lapidazione del diavolo"

Polonia, Tusk: "Arrestati dodici sabotatori controllati dalla Russia"