Puigdemont: no a elezioni anticipate. "Non ci sono garanzie"

Puigdemont: no a elezioni anticipate. "Non ci sono garanzie"
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"L'applicazione dell'articolo 155 è abusiva e ingiusta, non accetto le misure che il governo di Madrid ha adottato", ha detto il presidente della Generalitat. La palla passa al parlamento, dove JuntsPelSì chiederà la dichiarazione unilaterale di indipendenza

PUBBLICITÀ

Alla fine Carles Puigdemont ha sciolto ogni dubbio. Dopo una giornata in cui si sono rincorse voci circa la possibilità che chiamasse gli elettori alle urne il prossimo 20 dicembre per evitare il commissariamento della Catalogna, intorno alle 17 il presidente della Generalitat catalana ha fatto sapere che non ci saranno elezioni anticipate. JuntsPelSì ha già detto che chiederà una dichiarazione unitalerale di indipendenza al parlamento catalano nella votazione di domani.

“L’applicazione dell’articolo 155 è abusiva e ingiusta, non accetto le misure che il governo di Madrid ha adottato”, ha affermato Puigdemont. “Ho considerato la possibilità di convocare le elezioni ma non ci sono le sufficienti garanzie. Sarà il parlamento catalano a decidere la risposta all’applicazione del’articolo 155”

#PresidentKRLS</a>: "Cal que aquestes hores el compromís amb la pau i el civisme es mantingui més ferm que mai. Només així guanyarem"</p>— Govern. Generalitat (govern) October 26, 2017

Una sua dichiarazione era attesa prima alle 13.30, quindi alle 14.30 ma è saltata in seguito alla frenetica attività diplomatica in corso dietro le mura della Generalitat. La seduta plenaria del parlamento è slittata anch’essa di un’ora. Sono momenti decisivi e di profonda incertezza circa il destino della Catalogna, dopo il referendum indipendentista tenutosi il 1 di ottobre.

Un vertice fra il presidente catalano Carles Puigdemont e il vicepresidente Oriol Junqueras si è tenuto nello stesso edificio. Il partito di Junqueras, Erc, ha minacciato di uscire dal governo se Puigdemont convocherà elezioni anticipate Domani il senato spagnolo dovrebbe votare l’applicazione della sospensione dell’autonomia catalana. Ieri Puigdemont ha scritto su Instagram di non voler perdere tempo con chi ha già deciso di cancellare l’autogoverno catalano.

La agencia Reuters muestra imágenes de los periodistas abandonando el Palau, desconcertados. Como nuestra redacción. https://t.co/i24YjilBqKpic.twitter.com/TxpPYTgrGL

— euronews español (@euronewses) October 26, 2017

La polizia catalana dei Mossos d’esquadra ha intanto blindato la zona del parlamento a Barcellona prima dell’inizio della sessione di questo pomeriggio. Gli agenti hanno chiuso il Parco della Cittadella che circonda il palazzo dell’assemblea. I gruppi studenteschi e giovanili hanno convocato una giornata di sciopero in favore della Repubblica Catalana per le strade di Barcellona. Decine di migliaia le persone coinvolte.

LA DIRETTA DEI NOSTRI COLLEGHI SPAGNOLI

La capogruppo socialista al Congresso Margarita Robles aveva detto che se il presidente catalano Carles Puigdemont avesse convocato elezioni anticipate, non sarebbe stato attivato l’articolo 155 della costituzione. La convocazione delle elezion sarebbe “una magnifica notizia” e un “trionfo per la democrazia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti, alle isole Canarie arrivano sempre più minori non accompagnati: si moltiplicano i centri

Barcellona: trattenuta nave da crociera con 1.500 passeggeri, 69 boliviani con visti Schengen falsi

Spagna: Luis Rubiales in libertà dopo il fermo della Guardia Civil appena atterrato a Madrid