EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

"Adesso basta", Madrid verso commissariamento Catalogna

"Adesso basta", Madrid verso commissariamento Catalogna
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
PUBBLICITÀ

Madrid decide di mostrare i muscoli e lo fa con le dichiarazioni della vicepremier Soraya Saenz di Santamaria. In risposta alle dichiarazioni del presidente della Generalitat catalana, Carles Puigdemont, dice che “si sono esaurite le possibilità, e che ormai bisogna costringere le autorità catalane a rientrare nel solco della legalità”.

Una minaccia che dovrebbe trasformarsi in certezza questo venerdì quando a Madrid si voterà per il commissariamento della Catalogna: “È un obbligo legale, un obbligo democratico e un obbligo politico”, ha detto la Saenz che ha ricordato come, all’inizio di settembre, il parlamento catalano, adottando il referendum, abbia compiuto qualcosa di illecito.

Soraya Saenz di Santamaria: “Quanto avvenuto in quei giorni è stato che gli indipendentisti hanno deciso di non rispettare laa costituzione catalana e nemmeno le loro stesso legge e il loro statuto. Il premier e i deputati hanno invitato il presidente Puigdemont a presentare le proprie posizioni di fronte al parlamento spagnolo. Perché è qui che si decide il destino del paese. Non è mai venuto e nemmeno quest’oggi ha pensato bene di riferire al senato. E non perché non gli siano state offerte opportunità”.

Adesso, con l’applicazione dell’articolo 155, la Catalogna verrà messa sotto tutela e il presidente Puigdemont, assieme al suo governo regionale, rischia anche di essere arrestato.

1’22’‘ End

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna: crolla la terrazza di un ristorante a Maiorca, morti e feriti

Spagna riconosce lo Stato di Palestina, le reazioni a Madrid

Elezioni europee 2024, Spagna divisa al voto: conservatori avanti in sondaggio Euronews