EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Rohingya: il Myanmar si difende dall'accusa di pulizia etnica

Rohingya: il Myanmar si difende dall'accusa di pulizia etnica
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
PUBBLICITÀ

Il Myanmar spedisce al mittente ogni accusa di pulizia etnica a un mese dalla recrudescenza delle violenze che hanno costretto centinaia di migliaia di musulmani rohingya a fuggire nel vicino Bangladesh. Una crisi che ha messo sotto i riflettori la classe dirigente del Paese, a partire dalla leader e Premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi accusata di non aver fatto abbastanza per impedire le violenze tra esercito e popolazione musulmana.

Intanto l’Organizzazione Mondiale della Sanità teme un’epidemia di colera tra i circa 436.000 rohingya che hanno lasciato l’ex-Birmania.

L’ambasciatore brimano alle Nazioni Unite Hau Do Suan: “Lasciatemelo dire con chiarezza, non c‘è alcuna pulizia etnica, non c‘è nessun genocidio. I leader del Myanmar che hanno lottato a lungo per la libertà e per i diritti umani non adottano politiche del genere. Faremo tutto il possibile per evitare una pulizia etnica o un genocidio” ha detto Hau Do Suan.

Secondo l’Alto Commissariato dell’Onu per i rifugiati, la situazione della popolazione birmana musulmana non è migliorata e urge un incremento degli aiuti umanitari. E mentre in Bangladesh si costruiscono abitazioni di fortuna, 17 nuovi corpi sono stati rinvenuti nell’Ovest del Myanmar, nella stessa area in cui domenica erano stati trovati i resti di circa 30 vittime indù. Le autorità non hanno specificato se ci sono elementi certi per affermare se i morti sono indù vittime di violenza da parte di gruppi musulmani.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

San Suu Kyi esce dal carcere, l'ex leader civile del Myanmar trasferita ai domiciliari

Myanmar: liberi quasi 10mila prigionieri, rimane in carcere Aung San Suu Kyi

Myanmar, la giunta militare concede una grazia parziale a Aung San Suu Kyi