ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania. Schulz sconfitto ma sostenuto dalla base dell'SPD

Lettura in corso:

Germania. Schulz sconfitto ma sostenuto dalla base dell'SPD

Germania. Schulz sconfitto ma sostenuto dalla base dell'SPD
Dimensioni di testo Aa Aa

Il colpo era stato ampiamente previsto, ma non per questo l’impatto è stato meno duro. Volti tesi e occhi bassi, quando non lucidi, alla Willy Brandt Haus, sede nazionale dell’SPD a Berlino. E i sostenitori di Martin Schulz sembrano appoggiare l’idea di guidare un partito votato all’opposizione.

“Sono convinta che Martin Schulz e il gruppo dirigente abbiano ragione: l’SPD in posizione di partner minore in una grande coalizione non sarebbe in grado di rifondarsi” afferma l’ex-candidata alle presidenziali nel 2009 Gesine Schwan.

“Direi che Martin Schulz è da troppo poco tempo immerso nella politica nazionale per essere ritenuto responsabile della sconfitta. Credo che la ragione sia la debolezza dell’SPD e un certo atteggiamento in questo Paese. Sono convinto che Schulz sia il candidato giusto per l’opposizione” sostiene un militante dell’SPD.

I socialdemocratici hanno ottenuto un risultato peggiore sia rispetto al 2013 che al 2009.

Lutz Faupel, inviato di euronews a Berlino: “Un SPD fuori dal governo del Paese ma Martin Schulz resterà a guida dell’opposizione. La Germania va verso una coalizione Giamaica, CDU-liberali-Verdi, ma quale sarà il prezzo del negoziato?”.