EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La polizia inglese paga un pedofilo come informatore

La polizia inglese paga un pedofilo come informatore
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
PUBBLICITÀ

Smantellata in Inghilterra una gang di pedofili che obbligava a Newcastle decine di ragazze, molte minorenni, a rapporti sessuali sotto l’effetto di droga e alcol. In quattro separati processi sono stati giudicati colpevoli 17 uomini e una donna. Quello che però ha creato sdegno è il fatto che la polizia abbia utilizzato un informatore che in passato era stato condannato per stupro di minori pagandolo 10 mila sterline.

“Ci sono questioni molto serie sollevate dal comportamento della polizia e della sua scelta di mettere in contatto di bambini vulnerabili uno stupratore pedofilo”, dice un portavoce di una Ong che si occupa di infanzia in difficoltà.

Potrebbero cadere alcune teste ed è per questo che la polizia ha cercato di difendere le proprie scelte: “Per quanto sgradevole questo sia, anche per me, come uomo, come essere umano e come padre, non posso girare la testa. Purtroppo siamo stati costretti ad entrare in un mondo disgustoso, oscuro e le stesse persone che ci hanno fornito queste informazioni che protegeranno alcune vittime, potrebbero esse stesse aver commesso atti vili”, così un portavoce della polizia.

Si tratta dell’ennesimo caso di pedofilia nel Regno Unito dopo che anche in altre città inglesi erano state fermate delle gang in grado di creare giri di prostituzione minorile sfruttando le ragazze che arrivano da un contesto sociale di solito molto disagiato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Londra: Khan eletto per il terzo mandato, nuovo successo per il laburista

Londra, uomo armato di katana uccide 13enne e ferisce altre quattro persone nella periferia est

Scozia, il primo ministro Humza Yousaf si dimette prima del voto di sfiducia