EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Mosul città fantasma. Il Kuwait aiuterà la ricostruzione

Mosul città fantasma. Il Kuwait aiuterà la ricostruzione
Diritti d'autore 
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dal governo l'appello a fare presto altrimenti potrebbero tornare i terroristi dell'Isil

PUBBLICITÀ

Ricostruire Mosul, e fare presto. Altrimenti tra le macerie della città, potrebbero tornare di nuovo i terroristi dell’Isil, cacciati appena una settimana fa, dopo nove mesi di assedio. Ma servono fondi, che il governo iracheno non ha, perché il prezzo del petrolio cala e i costi della lotta ad Isil pesano.
Il vicino Kuwait si è fatto avanti, aiuterà nella ricostruzione; è lontana la storia del 1990, quando l’Iraq invase il Kuwait, pretesto della guerra del Golfo; ora i due hanno un nemico comune: Isil.
Sattar al Jilehawi, volontario con le Forze di Mobilitazione Popolare: “Questo è il nostro Paese. Quando vediamo la nostra città distrutta in questo modo, fa male dentro. Ma non c‘è niente da fare. Dovevamo cacciare l’Isil da queste strade per avere la pace. Abbiamo lottato per avere la pace”.
La pace, tra le macerie. Nei quartieri occidentali, non resta che la polvere di una città che fu gloriosa: l’antica Ninive, sulle sponde del Tigri, citata anche nella Bibbia. Mancano l’acqua, l’ elettricità, l’ospedale tra le cui mura si è combattutto per un mese, danneggiati tutti i ponti sul Tigri. I civili, fuggiti in massa, hanno paura anche di tornare a vedere cosa resta della loro casa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iraq: Mosul è ancora un cumulo di macerie

Iraq, parlamento approva la legge per criminalizzare l'omosessualità: fino a 15 anni di reclusione

Iraq, attacco contro una base militare: un morto e otto feriti