EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Attentati in Egitto, le misure di sicurezza arrivano "troppo tardi", accusano i copti

Attentati in Egitto, le misure di sicurezza arrivano "troppo tardi", accusano i copti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Troppo tardi, troppo poco.

PUBBLICITÀ

Troppo tardi, troppo poco. È il grido di rabbia che si leva fra i copti egiziani dopo che il presidente Abdel Fattah Al Sisi ha decretato tre mesi di stato d’emergenza in risposta alle bombe della domenica delle Palme. Una misura resa necessaria anche in vista della visita al Cairo di papa Francesco, in calendario per il 28 e il 29 aprile.

Gli attentati sono stati rivendicati da Isil, che già da mesi ha preso di mira la minoranza copta. Erano quindi ampiamente prevedibili, accusa il collega di una delle vittime: “Io voglio chiedere al presidente Sisi, perché non ha dichiarato lo stato d’emergenza due settimane prima delle vacanze? Lo fa adesso, dopo che è avvenuta la strage? Quando sono le vacanze? È aprile. Perché non l’ha fatto all’inizio del mese? Non sto incolpando lui, ma la pianificazione è sbagliata”.

L’ultimo bilancio degli attentati alle due chiese copte a Tanta ed Alessandria è di 47 morti e 126 feriti. I funerali delle vittime sono stati celebrati nel giro di poche ore perché la tradizione liturgica copta non prevede cerimonie funebri durante la Settimana Santa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Isis rivendica la strage di cristiani in Egitto

Strage della domenica delle Palme, in Egitto scoppia l'ira dei copti contro al Sisi

L'Europa che voglio: difesa comune e sicurezza, cosa farei da europarlamentare