EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Aleppo: unanimità Consiglio Sicurezza per invio osservatori

Aleppo: unanimità Consiglio Sicurezza per invio osservatori
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato all’unanimità una risoluzione che chiede l’invio di osservatori internazionali ad Aleppo.

PUBBLICITÀ

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato all’unanimità una risoluzione che chiede l’invio di osservatori internazionali ad Aleppo.

Il testo, versione rivista e corretta di una risoluzione francese che era destinata ad incappare nel veto russo, oltre a chiedere l’invio degli osservatori invita il Segretario Generale delle Nazioni Unite a prendere immediatamente contatto con le parti in causa per garantire la sicurezza degli inviati, al fine, si legge, di “monitorare il benessere dei civili e il pieno rispetto delle regole umanitarie internazionali all’interno dei quartieri orientali di Aleppo”.
Il testo “chiede alle Nazioni Unite e ad altre istituzioni pertinenti di supervisionare in modo adeguato e neutrale e di sorvegliare direttamente l’evacuazione dai quartieri orientali d’Aleppo”.

Il rappresentante russo ha detto che questo “è un buon testo”.

La versione precedente, ritenuta provocatoria e pericolosa dai russi, prevedeva che, senza autorizzazione del governo siriano, il personale delle Nazioni Unite già presente sul territorio siriano venisse rapidamente ridislocato ad Aleppo est.

Impraticabile, secondo i russi, perché quel personale non avrebbe avuto un’adeguata formazione per un lavoro di monitoraggio in una zona altamente pericolosa e particolarmente complicata per la ricostruzione della realtà dei fatti.

Il problema della nuova versione sta invece nei tempi solitamente lunghi per muovere la complessa macchina delle Nazioni Unite e della diplomazia internazionale. L’evacuazione dei civili, che vengono in gran parte inviati verso un campo nella zona di Idlib, è in corso da alcuni giorni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Aleppo Est e roccaforti ribelli: accordo sulle "evacuazioni incrociate"

Oltre 350 civili evacuati dai quartieri Est di Aleppo

Guerra a Gaza: l'Italia stanzia 5 milioni di euro per l'Unrwa