EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Italia: "governo con tutti i partiti o voto anticipato", il messaggio di Renzi prima di dimettersi

Italia: "governo con tutti i partiti o voto anticipato", il messaggio di Renzi prima di dimettersi
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

“Non abbiamo paura della democrazia né dei voti”: così Matteo Renzi si è rivolto alla direzione del Partito democratico, prima delle dimissioni formali da primo ministro davanti al capo dello Stato Se

PUBBLICITÀ

“Non abbiamo paura della democrazia né dei voti”: così Matteo Renzi si è rivolto alla direzione del Partito democratico, prima delle dimissioni formali da primo ministro davanti al capo dello Stato Sergio Mattarella.

Non è stato tuttavia affrontato il tema degli sviluppi interni al partito, da rinviare a fine crisi di governo. Renzi – che in giornata aveva confermato le dimissioni via Twitter – non ha escluso né l’ipotesi del voto anticipato né quello di un governo di larghe intese.

La enews di oggihttps://t.co/hFKsY8oa4rpic.twitter.com/FHpi1msOks

— Matteo Renzi (@matteorenzi) 7 décembre 2016

O si va a votare dopo la sentenza della consulta sulla legge elettorale, prevista per fine gennaio, oppure se gli altri vogliono un nuovo governo il Pd non può farlo da solo, “perché ha già pagato il prezzo in un tempo non troppo lontano”, ha aggiunto Renzi che aveva promesso le dimissioni dopo l’approvazione della legge di bilancio in Senato avvenuta in giornata.

#direzionePdmatteorenzi</a> &#39;Se le altre forze politiche vogliono votare, il PD non ha paura della democrazia&#39;</p>&mdash; Partito Democratico (pdnetwork) 7 décembre 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mps: slitta decisione su aumento di capitale, si rafforza ipotesi salvataggio di Stato

Referendum costituzionale, e adesso? I dubbi di Renzi e Mattarella

Scozia, il primo ministro Humza Yousaf si dimette prima del voto di sfiducia