Grecia: scontri nell'ottavo anniversario della morte di Grigoropoulos

Grecia: scontri nell'ottavo anniversario della morte di Grigoropoulos
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il quindicenne era stato ucciso da un poliziotto, che fu poi condannato all'ergastolo

PUBBLICITÀ

Otto anni fa ad Atene un quindicenne veniva ucciso dalla polizia. Nell’anniversario della morte di Alexandros Grigoropoulos, le manifestazioni organizzate ad Atene sono sfociate in violenze.

Dimostranti hanno lanciato sassi, bottiglie molotov e petardi contro la polizia e hanno dato alle fiamme alcune auto. Le forze dell’ordine hanno risposto con gas lacrimogeni e hanno fermato una trentina di persone, di cui sei rimangono in stato d’arresto.

Il 6 dicembre 2008, l’uccisione del quindicenne aveva provocato le proteste più violente degli ultimi anni.
Due anni dopo fu riconosciuto colpevole dell’omicidio l’agente Epaminondas Korkoneas, che fu condannato all’ergastolo.

Ogni anno, il 6 dicembre studenti e militanti anti-sistema scendono in piazza per ricordare Grigoropoulos e contro la violenza della polizia.

“Exarcheia, il quartiere in cui fu ucciso Alexandros Grigoropoulos, è tornato ad essere un campo di battaglia” osserva il corrispondente di euronews Μichalis Arampatzoglou. “Le forze di sicurezza hanno proibito ai manifestanti l’accesso al Politecnico e nelle strade adiacenti si sono verificati scontri.”

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grecia, protesta degli agricoltori ad Atene: almeno duecento trattori

Grecia: il parlamento approva matrimoni e adozioni per le coppie gay

Incendi in Grecia, il dramma degli agricoltori di Avanda e Makri: "Perso il lavoro di una vita"