EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Endorsement di Sarkozy: "Al secondo turno delle primarie voterò Fillon"

Endorsement di Sarkozy: "Al secondo turno delle primarie voterò Fillon"
Diritti d'autore 
Di Diego Giuliani
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Grande sconfitto delle consultazioni del centro-destra francese, l'ex Presidente appoggia il vincitore a sorpresa. Al ballottaggio ma staccato di oltre 15 punti Alain Juppé: "Darò battaglia"

A la une de Libé lundi : Fillon l'envol, Sarkozy la chute #Laprimairehttps://t.co/wXBZemWR15pic.twitter.com/SDuBwdEH5x

— Libération (@libe) 20 novembre 2016

PUBBLICITÀ

Da inquilino dell’Eliseo a primo degli sconfitti: “La caduta” in prima pagina sul quotidiano Libération è quella di Nicolas Sarkozy: ex presidente francese, relegato dall’esito delle primarie del centrodestra a semplice spettatore del secondo turno, che domenica prossima opporrà a sorpresa François Fillon e Alain Juppé.

Sarkozy: “Voterò per Fillon, ha compreso le sfide che attendono il Paese”

“Considero come mio dovere il fatto di riconoscere apertamente che – ha detto Sarkozy – nonostante le divergenze che in passato possano esserci state fra noi – François Fillon sembra aver compreso meglio di chiunque altro le sfide che la Francia si trova ad affrontare. Ed è per questo che voterò per lui al secondo turno delle primarie”.

Sarkozy ha accompagnato il suo endorsement di Fillon con inevitabili considerazioni sul suo futuro e parlato di un domani più orientato sulle sue “passioni private” che su quelle “politiche”.

Sarkozy, la chute qu'il n'imaginait pas — via @LaMatinale_M Super récit de @RaphaelleBacque@ArianeCheminhttps://t.co/ytucFl3C5b

— Sandrine Blanchard (@blanchardsand) 21 novembre 2016

Fillon e Juppé: due modi di intendere il centro-destra

A lungo indietro nei sondaggi rispetto a Juppé, Fillon ha costruito il suo successo nelle due ultime settimane. Mattatore a sorpresa con circa il 44% dei voti, l’ex primo ministro rappresenta la destra del partito che, aprendo a Putin e ad alleanze strategiche con Bachar Al-Assad, si propone di rosicchiare consensi al Front National di Marine Le Pen.

#PrimaireDroite Sans surprise, François Fillon est toujours largement en tête, avec 44,1%. (Bureaux de vote dépouillés : 9582 sur 10229) pic.twitter.com/7imGzLpVlI

— franceinfo (@franceinfo) 21 novembre 2016

In un tweet dell’emittente FranceInfo, i risultati di tutti e sette i candidati, quando alla fine dello spoglio mancava un pugno di seggi

Incarnazione di posizioni più centriste, Juppé ha escluso che il suo ritardo di oltre 15 punti possa indurlo a gettare la spugna e promesso invece che continuerà a battersi per “riforme e politiche più eque”.

Juppé vs Fillon : comparez les programmes #PrimaireDroitehttps://t.co/kVOFLGiUNWpic.twitter.com/km97K5B1J8

— Adrien Sénécat (@AdrienSnk) 21 novembre 2016

In un tweet del quotidiano Le Monde, il rimando a una dettagliata analisi delle differenze programmatiche tra Fillon e Juppé

Parola ai passanti: “Un voto di sanzione per Sarkozy”

Terzo fra i sette candidati in lizza con poco più del 20%, Sarkozy ha secondo molti pagato la sua immagine di “uomo del passato”. “Sono un po’ sorpreso, perché i numeri sono stati a lungo in favore di Juppé – riassume un passante per le vie di Parigi -, ma poi il vento ha girato e Fillon ha saputo cavalcare questa nuova dinamica. Nel complesso ritengo però che si tratti soprattutto di un voto di sanzione, nei confronti di qualcuno in particolare: Nicolas Sarkozy”. I sondaggi danno Fillon già vincitore anche al secondo turno, ma con numeri molto lontani dallo “schiaccia-tutti” e della “marea di consensi” che oggi gli riconosce la stampa francese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nuova Caledonia: rimpatriati i turisti, sette i morti per gli scontri nell'arcipelago

Proteste in Nuova Caledonia, arrivato Macron: la visita del presidente "senza limiti di tempo"

Proteste in Nuova Caledonia: il presidente francese Macron in partenza per una missione