EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Donald Trump presidente: le reazioni dei russi

Donald Trump presidente: le reazioni dei russi
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Come reagiscono i russi alla notizia dell’elezione di Donald Trump?

PUBBLICITÀ

Come reagiscono i russi alla notizia dell’elezione di Donald Trump? Anche a Mosca gli stati d’animo sono misti. Le dichiarazioni del neopresidente americano che ha affermato di voler cercare un riavvicinamento con la Russia però, piacciono ad alcuni. Dice un uomo: “Credo che le relazioni fra i nostri due paesi saranno più pragmatiche e meno ideologiche”.

Una donna afferma: “Credo che Trump sia comunque meglio di Hillary. Perché? Perché la sua attitudine verso la Russia è meno pregiudiziale rispetto a quella di Hillary”.

Reazioni discordanti anche per i politologi che analizzano i fatti recenti. Konstantin Eggert, ex capo dell’ufficio di corrispondenza russo della BBC, dice con più di una punta di scetticismo a proposito delle probabili relazioni fra Putin e Trump: “I due sono molto diversi, diversi come probabilmente lo erano Obama e Putin. Credo che le speranze di Mosca di mettersi d’accordo con Trump verranno frustrate dal fatto che l’idea di Trump di un buon negoziato, è se lui ottiene il 100% e l’altra parte nulla. Esattamente l’idea di negoziato che ha Putin. Ci sono contraddizioni”.

Il primo discorso da presidente di Trump è stato però all’insegna della diplomazia. Che questa nuova moderazione si riversi anche in politica estera è qualcosa in cui probabilmente confidano anche a Mosca.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia: espulso addetto militare ambasciata britannica, per Mosca è "persona non grata"

Russia, via ministro Shoigu, nominato Belousov: Putin cambia la difesa durante offensiva in Ucraina

San Pietroburgo, autobus precipita in un fiume