EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

I cinguettii dell'elefante

I cinguettii dell'elefante
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Cinguettava molto, ma di una cosa mancava sicuramente: la leggerezza.

PUBBLICITÀ

Cinguettava molto, ma di una cosa mancava sicuramente: la leggerezza.
Donald Trump è sempre stato caratterizzato da quel cinguettio elefantiaco che rischiava di allontanare un pubblico preziossimo, nella fase cruciale in cui finisce la provocazione e bisogna già giocarsela da presidenziabile, se non da presidente.

Sicché, per restare in metafora, gli hanno annodato la proboscide, a credere al New York Times ed altri fogli forse non del tutto d’area democratica ma visibilmente più schierati a favore della Clinton, in questa campagna presidenziale.

Fatto sta che, dicono, Trump è stato bandito dal proprio profilo Twitter: non dalla società, ma dai propri assistenti.

La prova starebbe nel fatto che l’ultimo tweet inviato da uno smartphone Android risale a sabato: da allora solo cinguettii inviati da Iphone. Differenza di peso, perché si ritiene che Trump usi un Android e i suoi assistenti preferiscano il Made in Cupertino. O piuttosto “ideato” a Cupertino, casa madre di Apple. Prodotto poi in estremo oriente.

Insomma, pare che i suoi assistenti abbiano gentilmente chiesto al candidato repubblicano di astenersi da ulteriori cinguettii fino ad elezione avvenuta (come minimo).

Ai collezionisti diamo subito l’ultimo, quello di sabato:

MAKE AMERICA GREAT AGAIN!

— Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 5 de noviembre de 2016

Nulla di che, in effetti. Erano più divertenti quelli dei mesi scorsi, come questo di luglio, celebre perché contiene un errore ogni sette parole:

Hillary Clinton should not be given national security briefings in that she is a lose cannon with extraordinarily bad judgement & insticts.

— Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 30 de julio de 2016

Fu il britannico Independent a sottolineare la circostanza e consigliare l’uso di un correttore ortografico. Uno di quei software, per intenderci, che se installato su uno smartphone – e quindi sotto forma di app – e usato con dovizia di linguaggio e per concetti di una certa profondità diventa assai facilmente un corruttore ortografico.

Ma, diranno i più cattivi, non è il caso di Trump.

Passi per gli errrori di battitura, soprattutto se si tratta di raptus dovuto a rilettura di un tweet della Clinton che lo definiva “unqualified loose cannon”: ma che dire di un tweet di mussoliniana memoria?

ilduce2016</a>: “It is better to live one day as a lion than 100 years as a sheep.” – <a href="https://twitter.com/realDonaldTrump">realDonaldTrump#MakeAmericaGreatAgain

— Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 28 de febrero de 2016

“Meglio vivere un giorno da leone che cent’anni da pecora”, era scritto. Non un tweet suo, ma un retweet di un tale @ilduce2016: ci vai, e scopri che si tratta di un profilo in cui si prende in giro Trump comparandolo a Mussolini.
Un retweet ignaro dei significati evidenti e di quelli più reconditi? Auto-ironia? Al lettore l’ardua sentenza…

Sempre il New York Times – che come detto non ha certo palesato simpatia per Trump in questa campagna – ha realizzato un elenco di ben 282 luoghi, cose o persone che sarebbero stati in qualche modo offesi da Trump .

Twitter comunque era, per Trump, un campo di battaglia: oltre ai suoi tweet, le accuse ai tweet della rivale, o al modo in cui la Cinton usa Twitter per uno screening della popolazione o per farsi credere qualcosa che non è: e così il repubblicanissimo Breitbart riprende una mail pubblicata da Wikileaks, nella quale Hillary Clinton e John Podesta discutono su come usare il “black twitter” per conquistare l’elettorato afroamericano.

E sul profilo twitter di Trump vengono spesso rilanciate notizie e accuse di questo tipo, o altre che riguardano il cosiddetto “mailgate”, la politica d’immigrazione proposta dalla rivale, eccetera.

Da domenica sul profilo Twitter compaiono solo ringraziamenti: grazie Michigan, grazie Ohio, grazie Virginia, Pennsylvania, Minnesota… Tutti inviati da Iphone, a quanto pare. Nessun Tweet da Android.

Eccone alcuni:

Thank you Pennsylvania- I am forever grateful for your amazing support. Lets MAKE AMERICA GREAT AGAIN! #MAGAhttps://t.co/HfihPERFgZpic.twitter.com/Q8PXiktPqD

— Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 7 de noviembre de 2016

Thank you Minnesota! It is time to #DrainTheSwamp & #MAGA! #ICYMI- watch: https://t.co/fVThC7yIL6pic.twitter.com/e8SaXiJrxj

— Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 6 de noviembre de 2016

Tra i sostenitori di Hillary Clinton, oltre a Barack Obama che ironizza sullo scarso autocontrollo di Trump (che sarebbe dimostrato dal fatto che i suoi assistenti l’hanno messo sotto tutela), c‘è chi ne rassicura i fedelissimi: non vi preoccupate – dicono – da candidato sconfitto avrà di nuovo mano libera e tornerà quello di prima.

Si, ma… e se fosse Presidente?

PUBBLICITÀ

PS Per i nostalgici, ecco sulla pagina Facebook di euronews una selezione di Trump-tweet:

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti, Steve Bannon dovrà essere incarcerato entro l'1 luglio

Trump colpevole per i pagamenti a Stormy Daniels: prima condanna a un ex presidente, pena a luglio

Trump, processo verso la fine: sentenza attesa entro la settimana