ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ungheria. Niente quorum per referenudm vs immigrati. Ma Orban rivendica vittoria

Lettura in corso:

Ungheria. Niente quorum per referenudm vs immigrati. Ma Orban rivendica vittoria

Ungheria. Niente quorum per referenudm vs immigrati. Ma Orban rivendica vittoria
Dimensioni di testo Aa Aa

Il fallimento politico del refereundm in Ungheria è tale che qualunque logica vorrebbe, se non le dimissioni, per lo meno un’inversione di rotta a 180° nella sua strategia. Invece il populista Viktor Orban persiste e rivendica il risultato della consultazione contro le quote d’immigrati.

“Bruxelles oppure Budapest, è questa la domanda che si pone e abbiamo deciso che il diritto di prendere questa decisione appartiene solo a Budapest” ha detto Orban dopo la pubblicazione dei risultati. “La domanda, molto semplice, è se Bruxelles e la comunità democratica dell’Unione Europea possono imporre la propria volontà ad uno Stato membro in cui il 92% dei votanti ha detto no. Vi prometto, prometto a tutti i cittadini ungheresi che farò tutto il possibile per evitare che accada”.

Il 92% dei votanti si è espresso contro l’accoglienza ai migranti ma al referendum ha partecipato meno del 40% degli elettori (39,8%) a fronte della soglia di validità del 50%. Un referendum che dunque è privo di valore. Secondo Attila Juhász, analista politico, le conseguenze per Orban dovrebbero essere evidenti soprattutto sulla scena internazionale.

“Da un punto di vista internazionale questo risultato è un fallimento totale per Viktor Orban, un referendum non valido non è certo la strada auspicabile per fare pressione sull’Unione Europea. Nessuno lo prenderà sul serio” spiega ai microfoni di euronews.

La nostra corrispondente a Budapest Andrea Hajagos: “Molti sostengono che dopo questo referendum Viktor Orban dovrà completamente cambiare le proprie politiche che, nell’ultimo periodo, si sono concentrate esclusivamente sugli immigrati. E non sembra che abbia funzionato, soprattutto qui a Budapest”.