This content is not available in your region

Siria: giornalista olandese uccidso al fronte. È stato un cecchino dell'Isil

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Siria: giornalista olandese uccidso al fronte. È stato un cecchino dell'Isil

Morto un altro giornalista al fronte, in Libia. Stavolta è toccato all’olandese Jeroen Oerlemans. 45 anni, è stato colpito domenica 2 ottobre da un cecchino mentre stava facendo un giro di ricognizione con un gruppo di sminatori che lavora nella parte della città liberata dal gruppo Stato islamico. Oerlemans era già stato rapito in Siria insieme al fotografo britannico John Cantlie, che si presume sia tuttora nelle mani dei jihadisti e che era passato a fare video di propaganda per Daesh.

Un colpo di arma da fuoco ha centrato Oerlemans al petto. La notizia era trapelata nel pomeriggio e per alcune ore si era ipotizzato che la vittima fosse un italiano. Poi, invece, è arrivata l’ufficializzazione della morte dell’olandese.