Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Brasile: Temer promette riforme durissime, Rousseff si rivolge all'Alta Corte

Brasile: Temer promette riforme durissime, Rousseff si rivolge all'Alta Corte
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Non sarà facile per Michel Temer guidare ora il Brasile, dopo la destituzione di Dilma Rousseff: l’ex vice-presidente, nonché ex alleato e ora arci-nemico della Rousseff di cui ha ora preso il posto, ha contro metà Paese, ma cerca di rassicurare la finanza. Ha promesso riforme lacrime e sangue, a partire da quella delle pensioni. Le reazioni si dividono tra accuse all’opposizione e scetticismo sul futuro immediato:

“Non c‘è dubbio sul fatto che è stato un colpo di Stato, al di là del fatto che io possa sostenere l’una o l’altra parte, questa è stata una rottura istituzionale assoluta. Non hanno rispettato la legge e hanno sfruttato una fase di crisi economica e nella quale hanno la maggioranza parlamentare”, dice un residente carioca, e un altro aggiunge: “Difficilmente la situazione potrebbe essere peggiore. Spero almeno che Temer faccia quello che deve fare, altrimenti cacceremo anche lui”.

Dilma Rousseff intanto non cede: la presidente deposta si rivolge all’Alta Corte e chiede l’annullamento della seduta plenaria con cui il Senato ha confermato l’impeachment, e un nuovo giudizio. Strascichi politico-giudiziari a cui si aggiungono i filoni dell’inchiesta “lava-jato”, la “mani pulite” brasiliana, in un contesto di già pesante crisi economica.