Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Inchiesta sulla partecipazione britannica in Iraq: "Saddam non era una minaccia"

Inchiesta sulla partecipazione britannica in Iraq: "Saddam non era una minaccia"
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

“Nel marzo 2003 non c’era una minaccia imminente di Saddam Hussein contro l’Occidente, l’azione militare non era l’ultima opzione”: è questo uno dei punti chiave dell’atteso rapporto britannico sulla guerra in Iraq. 150 testimoni ascoltati, 150mila documenti consultati, 7 anni di lavoro e 10 milioni di sterline spese. 12 volumi che puntano il dito contro Tony Blair. Non era reale – ha detto il relatore John Chilcot – il rischio delle armi di distruzione di massa irachene. Tony Blair invase l’Iraq in maniera precipitosa nel 2003 nonostante fosse stato avvertito sulle conseguenze che avrebbe avuto la guerra, a partire dalle nuove minacce terroristiche da parte di Al Qaeda contro il Regno Unito. Ho preso la decisione in buona fede e nell’interesse del Paese: si è subito difeso l’ex premier Blair che ha respinto ogni accusa.