EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Brexit: la marcia dei 30.000 per l'Europa

Brexit: la marcia dei 30.000 per l'Europa
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tre chilometri di bandiere, cartelli, striscioni e volti colorati per dire “no” alla Brexit e “sì” all’Europa: Londra si è ammantata di Union Jack e di bandiere blu a dodici…

PUBBLICITÀ

Tre chilometri di bandiere, cartelli, striscioni e volti colorati per dire “no” alla Brexit e “sì” all’Europa: Londra si è ammantata di Union Jack e di bandiere blu a dodici stelle.
Trentamila persone, in gran parte confluite sulla base degli appelli circolati sui social, hanno sfilato tra Hyde Park e il Parlamento. C’erano molti londinesi, ma anche immigrati, studenti stranieri e britannici venuti da altre parti del Regno.

“Tutti questi comportamenti disgustosi che si sono visti nel Paese con il razzismo, al xenofobia, è semplicemente inaccettabile”.

“Voglio semplicemente mostrare al Paese che non cediamo sull’Unione europea, ne abbiamo bisogno, il sistema sanitario nazionale ne ha bisogno. Dove lavoro, a sud di Londra, non avremmo personale se non fosse per la libera circolazione delle persone”.

Una studente sottolinea:
“Il 10% dei finanziamenti alle Università britanniche viene dall’Unione europea, e non penso che verrà sostituito dal nostro governo dell’austerità. Quindi penso che causerà cose terribili alla scienza, alla tecnologia e alla ricerca britanniche”

Un insegnante pensa che un governo diverso potrebbe decidere di non dar seguito all’esito del referendum:

“Se questa è la casa della democrazia, della democrazia parlamentare allora ci devono dare nuove elezioni, non possono limitarsi ad andare avanti dicendo ‘il popolo si è espresso’, perché al popolo hanno detto bugie”.

Mancavano però leader politici di spicco del campo del “remain”: a partire dal sindaco di Londra, Sadiq Khan.

C’era Bob Geldof: il cantante ha lanciato un appello alla mobilitazione.

“Non limitatevi a indignarvi in rete con gli amici sperando di ottenre qualcosa – ha detto -: uscite in strada con i vostri amici, nelle scuole, attivatevi, e incontrate le persone che hanno votato per il Brexit, capite perché lo hanno fatto e convincetele che forse era la decisione sbagliata”.

Al referendum il 52% dei britannici ha votato a favore del Brexit. E anche se ora una petizione per un nuovo referendum ha superato quattro milioni di firme, è improbabile che si possa davvero tornare indietro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Regno Unito, Starmer vuole ricostruire le relazioni con l'Unione europea

Una vittoria dei laburisti potrebbe avvicinare il Regno Unito all'Ue?

Irlanda del Nord: Londra approva l'intesa sulla fine dello stallo politico