EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Iraq: catastrofe umanitaria a Fallujah, civili costretti a seppellire morti in casa

Iraq: catastrofe umanitaria a Fallujah, civili costretti a seppellire morti in casa
Diritti d'autore 
Di Salvatore Falco
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L’offensiva dell’esercito iracheno e delle milizie alleate per riprendere Fallujah rallenta di fronte alla catastrofe umanitaria che coinvolge 50mila civili intrappolati in…

PUBBLICITÀ

L’offensiva dell’esercito iracheno e delle milizie alleate per riprendere Fallujah rallenta di fronte alla catastrofe umanitaria che coinvolge 50mila civili intrappolati in città.

Tra loro almeno 20 mila bambini che rischiano l’arruolamento forzato nelle file dei combattenti jihadisti o la morte come scudi umani.

Le forze irachene e l’Unità popolare sciita hanno issato la bandiera dell’Iraq sul ponte di Saqlawiyah, a 19 chilometri da Fallujah. Mentre in città, i civili intrappolati dai combattimenti sono costretti a seppellire i loro morti in casa, perché non è possibile uscire. Chi riesce a scappare, è costretto ad abbandonare i propri cari.

“Stiamo vivendo una vita molto dura, abbiamo visto così tanta miseria, fame e distruzione. Non ho potuto uscire di casa per tre mesi e sono stata costretta a lasciare i miei figli feriti – racconta una madre di Fallujah che ha lasciato in città 6 figli – Ho con me gli altri bambini e siamo stati costretti a mangiare il cibo degli animali e a lasciare la nostra casa. E intanto la bombe non hanno mai smesso di cadere”.

Le famiglie che riescono a mettersi in salvo da rappresaglie e bombardamenti descrivono una città sotto attacco tre diverse direzioni. I più fortunati riescono a raggiungere le squadre del Consiglio norvegese per i Rifugiati che, in autobus, li conducono nel campo di Amiryiat.

“Siamo rimasti assediati all’interno di Fallujah per tre anni – racconta una giovane – Abbiamo mangiato datteri e cibo marci. Siamo senza casa. Ma ora siamo contenti di essere stati evacuati dalla città in sicurezza”.

In Iraq circa 10 milioni di persone hanno bisogno di assistenza umanitaria, mentre quasi 3 milioni e mezzo di iracheni sono sfollati all’interno del Paese.

#Iraq: “Vivevamo nel panico,“ci racconta Layel, riuscita a fuggire da Fallujah, città sotto assedio. pic.twitter.com/KbvGRvO7U6

— UNHCR Italia (@UNHCRItalia) June 1, 2016

Iraq forces push into streets of IS-held Fallujah https://t.co/vNKPaSs1Cvpic.twitter.com/FCNPE005CX

— AFP news agency (@AFP) May 30, 2016

Hundreds flee Fallujah area as forces press offensives in Iraq and key IS bastion in Syria https://t.co/JhP50zJSL0pic.twitter.com/KOrmLrtoLs

— AFP news agency (@AFP) May 27, 2016

Norske BeckyBakr</a> er nå på vei for å ta i mot irakiske flyktninger fra <a href="https://twitter.com/hashtag/Fallujah?src=hash">#Fallujah</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/Irak?src=hash">#Irak</a>: <a href="https://t.co/PgzvUd9qBi">https://t.co/PgzvUd9qBi</a> <a href="https://t.co/Pv8hggWC0v">pic.twitter.com/Pv8hggWC0v</a></p>&mdash; Flyktninghjelpen (flyktninghjelp) May 24, 2016

#Fallujah_liberated Iraqi All united forces to retake Falluja From ISIS See are they doing with Falluja Citizens! pic.twitter.com/yZeuriw8Mi

— YNWA. (@AliAwad74) May 24, 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iraq, parlamento approva la legge per criminalizzare l'omosessualità: fino a 15 anni di reclusione

Iraq, attacco contro una base militare: un morto e otto feriti

Medio Oriente: gli Stati Uniti attaccano milizie filo-iraniane in Iraq e Siria