EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Sciopero delle guardie carcerarie in Belgio, interviene l'esercito

Sciopero delle guardie carcerarie in Belgio, interviene l'esercito
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Militari mobilitati per sostituire le sentinelle, che si astengono dal lavoro da più di due settimane.

PUBBLICITÀ

È cominciata la terza settimana di sciopero delle guardie carcerarie nei penitenziari del sud del Belgio.

Conseguenza, la situazione dei detenuti è al collasso. La stampa locale riporta che a molti sono negati diritti fondamentali quali tre pasti al giorno, le docce, le visite dei familiari.

Il governo ha mobilitato 180 militari per dare una mano nelle prigioni di Lantin, Saint-Gilles e Forest.

“La questione è che la difesa interviene in un problema sociale e si sostituisce in qualche modo al dialogo sociale. Non sarebbe il suo ruolo” spiega Jean-Louis Crucifix, comandante dell’esercito nella provincia di Liegi.

A Forest, nella regione della capitale Bruxelles, è scoppiata anche la rivolta dei detenuti, a causa delle privazioni e alcune strutture sono state danneggiate. Proprio la fatiscenza dei luoghi in cui lavorano è la causa dello sciopero delle guardie.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia: torna a casa il 35enne Louis Arnaud, arrestato in Iran 20 mesi fa con Alessia Piperno

Europee: Ilaria Salis sarà eurodeputata con Alleanza Verdi e Sinistra: eletta con 165mila voti

Francia, giornata di sciopero nelle carceri dopo l'attacco letale al furgone penitenziario