EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Cresce in Turchia movimento antimigranti: "Non vogliamo i respinti dalla UE"

Cresce in Turchia movimento antimigranti: "Non vogliamo i respinti dalla UE"
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Turchia si va ingrandendo ogni giorno che passa il movimento che protesta contro il ritorno dei migranti dalla Grecia. Qui siamo a Dikili dove la

PUBBLICITÀ

In Turchia si va ingrandendo ogni giorno che passa il movimento che protesta contro il ritorno dei migranti dalla Grecia.

Qui siamo a Dikili dove la gente è scesa in strada per far sentire il proprio dissenso contro il progetto di Unione Europea ed Ankara.

I primi respinti dovrebbero arrivare questo lunedì, in provenienza dell’isola ellenica di Lesbos. Non è chiaro però dove e come verranno esattamente dislocati.

Incertezze troppo grandi che inquietano parte della popolazione come questa donna: “Non voglio pagare per le sporche politiche del governo. Siamo disposti noi a pagare l’Europa perché se li tengano. Ci dispiace dal punto di vista umanitario, non vogliamo guerre”

Ankara continua intanto a dire che nessun migrante verrà deportato verso la Siria, “cosa mai successa”, continuano le fonti ufficiali, “in 5 anni di conflitto”. Questa gente verra inizialmente accolta in quelli che vengono definiti “campi di riammissione” a Cesme e Dikili, strutture che sono già state condannate da Amnesty International. Una volta identificati i migranti verranno smistati in altre località, ma le immagini di alcuni canali televisivi hanno mostrato che al momento le strutture proprio non esistono e certamente non saranno pronte per questo lunedì.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Pakistan: tre morti e venti feriti in un attacco durante una marcia per la pace

Proteste in Bangladesh: studenti in piazza contro il governo, aumentano i morti negli scontri

Turchia: Erdogan allenta il disegno di legge contro i cani randagi, 4mila a rischio soppressione