ULTIM'ORA

Ricerca Greenpeace: a Chernobyl 5 milioni di persone vivono in aree contaminate

Ricerca Greenpeace: a Chernobyl 5 milioni di persone vivono in aree contaminate
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

A ormai 30 anni dal disastro nucleare di Chernobyl (26 aprile 1986) circa 5 milioni di persone vivono ancora in aree contaminate. Zone in cui il tasso di mortalità è più elevato della norma, il tasso di natalità è più basso e l’incidenza di tumori è aumentata. I dati sono contenuti in “L’eredità nucleare di Fukushima e Chernobyl”, una ricerca di Greenpeace condotta in Giappone, Ucraina e Russia.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.