EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Polonia in piazza contro la "legge bavaglio" sulla tv e sulla radio pubblica

Polonia in piazza contro la "legge bavaglio" sulla tv e sulla radio pubblica
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Polonia è protesta popolare contro la legge sui media appena promulgata dall’esecutivo di destra di Diritto e giustizia (Pis). La nuova normativa

PUBBLICITÀ

In Polonia è protesta popolare contro la legge sui media appena promulgata dall’esecutivo di destra di Diritto e giustizia (Pis). La nuova normativa approvata in tempi record assicura al presidente Andrzej Duda il controllo quasi totale dell’informazione pubblica. I media statali sono al servizio di un unico partito denunciano le organizzazioni nazionali e internazionali dei giornalisti. Un allarme lanciato anche dall’Unione europea.

“Siamo scesi in piazza perché è in pericolo la libertà di stampa, perché è in pericolo la democrazia dal momento che i media sono un motore fondamentale del processo democratico. Se i media non possono controllare il potere, i cittadini non sapranno mai quello che il potere fa”, dice Mateusz Kijowski del Comitato di difesa della democrazia che ha indetto manifestazioni in diverse città della Polonia.

Freschi di nomina i nuovi responsabili della tv e della radio pubblica del Paese: si tratta di fedelissimi del partito di destra al governo. Il nuovo presidente dell’emittente Tvp è Jacek Kurski, ex vice-ministro della Cultura mentre la giornalista e scrittrice Barbara Stanislawczyk è alla guida della Polskie Radio. Il presidente polacco Duda sarà a Bruxelles il 18 gennaio, alla vigilia del dibattito sulla Polonia annunciato dal Parlamento europeo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia, pro vita in marcia contro l'estensione del diritto all'aborto proposta dal governo

Polonia: le grandi aspettative della comunità Lgbt diventeranno realtà?

La Polonia ai membri della NATO: serve spesa per la difesa al 3% del Pil