EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Processo Vatileaks II: verrà chiamato a testimoniare anche il Segretario di stato Parolin

Processo Vatileaks II: verrà chiamato a testimoniare anche il Segretario di stato Parolin
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Monsignor Vallejo Balda ha ottenuto l'esame di una perizia sulla sua fragilità psicologica

PUBBLICITÀ

Verrà chiamato a testimoniare anche il Segretario di stato vaticano Pietro Parolin. È una delle richieste della difesa accolta alla terza udienza del processo Vatileaks II.

Nato dalle rivelazioni di Gianluigi Nuzzi e Emiliano Fittipaldi, il procedimento vede cinque imputati. I due giornalisti, un vescovo, Monsignor Vallejo Balda, un suo collaboratore, Nicola Maio, e l’ex consulente del Vaticano Francesca Chauqui:

No, non additano me come corvo, perché c‘è un’ammissione di Monsignor Balda che le carte le ha date lui. Io vengo additata come una strega. D’altronde il processo alle streghe nasce qua.

Chi manipola chi?

Chauqui ha ottenuto che vadano agli atti tutte le intercettazioni telefoniche con il monsignore, che si è dichiarato oggetto di manipolazione da parte della donna. Vallejo Balda ha ottenuto che venga esaminata una perizia psichiatrica già effettuata che valuta la sua fragilità psicologica.

I libri Via crucis e Avarizia raccontano dell’uso allegro delle finanze vaticane che è stato fatto da certi alti prelati della Curia romana. Quella stessa Curia che Papa Francesco sta cercando di riformare, come già cercò di fare Benedetto XVI prima di dimettersi.

Il processo, per il quale gli imputati rischiano fino a 8 anni di carcere, accompagnerà lo svolgimento del Giubileo.

Lilia Rotoloni

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Andrew Tate andrà a processo in Romania per traffico di esseri umani e stupro

Moda, commissariata la Giorgio Armani Operations: accuse di caporalato a opifici in Lombardia

Usa, Donald Trump paga 175 milioni di dollari di cauzione per evitare la confisca dei suoi beni