EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Parigi:i musulmani vittime degli attacchi e quelli vittime della discriminazione

Parigi:i musulmani vittime degli attacchi e quelli vittime della discriminazione
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Tra le vittime degli attacchi del 13 novembre a Parigi c’erano anche due sorelle che festeggiavano un compleanno, un promettente architetto, un

PUBBLICITÀ

Tra le vittime degli attacchi del 13 novembre a Parigi c’erano anche due sorelle che festeggiavano un compleanno, un promettente architetto, un musicista di talento e un commesso.
Quello che avevano in comune era la loro origine musulmana.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)0; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/en_US/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));> The Muslims killed in the Paris attacks“I was 100 metres from the first explosion. The bomb would not have differentiated between a Muslim and a Buddhist.“Who were the six Muslims killed by Islamist militants in the Paris attacks?

Posted by Channel 4 News on Wednesday, November 18, 2015

### Houda Saadi, 35

### Halima Saadi, 37

### Djamila Houd, 41

### Amine Ibnolmobarak, 29

### Kheireddine Sahbi, 29

E l’Isil nella sua rivendicazione degli attentati di Parigi dice che gli attacchi sono stati compiuti per vendicare i musulmani uccisi in Iraq e Siria dal fuoco occidentale

Qualsiasi attacco il sedicente Stato Islamico si appresti a compiere in Francia, con buona probabilità potrebbe fare anche vittime di origine musulmana. Il Paese infatti è la patria di 4,7 milioni di musulmani, ossia il 7,5% della popolazione totale.

Altre vittime della situazione sono gli appartenenti alla comunità musulmana in Francia, negli ultimi giorni presi di mira: aggressioni, insulti, danneggiamenti alle moschee. E’ quello che spiega Yasser Louati, portavoce dell’Associazione contro l’islamofobia, nata in Francia dopo gli attachi di Charlie Hebdo lo scorso gennaio. Louati ha dichiarato di aver ricevuto centinaia di segnalazioni di famiglie preoccupate addirittura di mandare i figli a scuola proprio per via del clima di tensione.

Una cosa simile sta accadendo anche in Italia

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Attacchi Parigi, mondo musulmano si dissocia

Abaya, divieto confermato nelle scuole di Francia. Minacce di morte ad un provveditore agli studi

Polemica francese sul divieto dell'abaya nelle scuole: "Ma non è un abito religioso"