EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Attacchi a Parigi, l'Isil rivendica: "Questo è l'inizio della tempesta"

Attacchi a Parigi, l'Isil rivendica: "Questo è l'inizio della tempesta"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Una notte lunga e senza sonno per Parigi, la Francia e l’Europa colpita al cuore come mai prima. Almeno 128 le vittime di sei attentati di venerdì

PUBBLICITÀ

Una notte lunga e senza sonno per Parigi, la Francia e l’Europa colpita al cuore come mai prima. Almeno 128 le vittime di sei attentati di venerdì notte, 200 sarebbero feriti, circa 80 in gravi condizioni. Un bilancio drammatico che resta purtroppo provvisorio.

La Une de libe</a> demain <a href="https://t.co/i5sdbEIZD7">pic.twitter.com/i5sdbEIZD7</a></p>&mdash; Libération (libe) 13 Novembre 2015

L’Isil ha, intanto, rivendicato ufficialmente gli attacchi di Parigi.
In un comunicato su Twitter, intitolato “La benedetta battaglia di Parigi contro la Francia crociata”, l’autoproclamato “Stato Islamico” afferma che “otto nostri fratelli con cinture esplosive e armati di Kalashnikov hanno preso di mira luoghi scelti con accuratezza nel cuore della Francia”.

Poi l’Isil minaccia: “La Francia e quelli che la seguono devono sapere che restano tra i principali obiettivi dello Stato Islamico e che continueranno a sentire l’odore della morte per aver preso la guida della crociata, per aver insultato il nostro profeta, per essersi vantati di combattere l’Islam in Francia e colpire i musulmani nelle terre del Califfato con i loro aerei che non vi sono stati utili nelle vie maleodoranti di Parigi. Questo attacco non è che l’inizio della tempesta, un avvertimento per coloro che vogliono meditare su questa lezione”.

Hollande ha annunciato lo Stato di emergenza su tutto il territorio francese e tre giorni di lutto nazionale in omaggio alle vittime degli attentati terroristici.

“Quello che è successo venerdì a Parigi è un atto di guerra commesso da un’armata jihadista contro i valori che noi difendiamo e che siamo: un Paese libero”, ha detto il presidente François Hollande. “La Francia è stata aggredita in modo vergognoso e violento, sarà spietata contro la barbarie dello Stato islamico, agirà con tutti i mezzi, sul fronte interno ed esterno”.

Hollande: la France sera « impitoyable à l’égard des barbares de Daesh» https://t.co/7UVHQXPfmWpic.twitter.com/ywF17CaZdM

— Libération (@libe) November 14, 2015

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Attentati Parigi: la ricostruzione del procuratore della Repubblica

Parigi: la cronaca del venerdì che ha cambiato la storia della Francia

Parigi sotto choc, testimoni del Bataclan:"La musica interrotta dagli spari"