EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

NASA: "Marte perse l'atmosfera a causa di un'eruzione solare"

NASA: "Marte perse l'atmosfera a causa di un'eruzione solare"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Marte era un pianeta umido e temperato quasi due miliardi di anni fa, ma a strappare via la sua atmosfera e l’acqua è stata una gigantesca eruzione

PUBBLICITÀ

Marte era un pianeta umido e temperato quasi due miliardi di anni fa, ma a strappare via la sua atmosfera e l’acqua è stata una gigantesca eruzione solare, che ha causato la perdita di gran parte del suo campo magnetico.
Lo ha annunciato la Nasa.

Michael Meyer, scienziato responsabile del programma della NASA per l’esplorazione di Marte, dichiara: “Per rispondere alla domanda su qual era l’atmosfera di Marte, citerò Bob Dylan. La risposta, amico mio, è nel vento.”

Il vento solare ha investito Marte con uno sciame di particelle che ha ridotto a brandelli il campo magnetico e l’atmosfera del pianeta.
La scoperta, avvenuta grazie ai risultati della missione Maven, apre ulteriori interrogativi.

“Marte – osserva Bruce Jakosky, capo-ricercatore di Maven – sembra rispondere a tutte le condizioni necessarie per la vita o per averla potuta ospitare in superficie in passato. E questo ci porta a chiederci se ci sia mai stata vita e, in caso affermativo, se sia geneticamente legata alla vita sulla Terra o abbia un’origine indipendente. Quindi mentre andiamo verso il futuro, credo che le domande sulla vita e sul clima e la storia del pianeta nel suo insieme siano veramente al centro dell’esplorazione.”

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Successo di SpaceX, completato per la prima volta il volo di prova del mega razzo Starship

Conosciamo una donna che abbatte le barriere nella leadership dell'industria spaziale ad Azercosmos

Spazio: la Russia interrompe il lancio del razzo Soyuz, problemi tecnici a venti secondi dal decollo