EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Si apre il maxiprocesso "Mafia Capitale": 46 imputati, 9 mesi di udienze

Si apre il maxiprocesso "Mafia Capitale": 46 imputati, 9 mesi di udienze
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Roma processa se stessa: al via la prima udienza del maxiprocesso Mafia Capitale con 46 imputati, accusati di reati che vanno dalla corruzione

PUBBLICITÀ

Roma processa se stessa: al via la prima udienza del maxiprocesso Mafia Capitale con 46 imputati, accusati di reati che vanno dalla corruzione all’associazione per delinquere di stampo mafioso. Coinvolti criminali, politici e imprenditori. Il dibattimento si svolge con il rito immediato. Quella che è ritenuta dalla procura la cupola dell’organizzazione non è presente in aula: collegati in videoconferenza dai rispettivi carceri l’ex Nar Massimo Carminati e l’ex ras delle coop Salvatore Buzzi.

“La procura è il regista di questo processo mediatico”, ha detto l’avvocato Giosuè Naso, legale di Massimo Carminati. “Noi abbiamo aspettato un anno per comparire davanti al tribunale. Non si capisce perché, in questo anno non si è fatto nulla, non si è fatta nessuna attività di indagine”.

Gli imputati respingono le accuse. “Della mafia a Roma non c‘è proprio traccia”, ha detto Alessandro Diddi, avvocato di Salvatore Buzzi. Sarà un tour de force giudiziario la ribattezzata “madre di tutti i processi” romani: quattro udienze a settimana, da lunedì prossimo nell’aula bunker di Rebibbia. Si andrà avanti per nove mesi: l’ultima udienza, la numero 136, ci sarà il 21 luglio 2016.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Terremoto ai Campi Flegrei: scossa più forte degli ultimi quarant'anni, evacuato carcere Pozzuoli

Assange, a Londra si decide su estradizione del fondatore di WIkileaks negli Usa: proteste a Roma

Elezioni europee 2024: il dibattito dei candidati fa tappa nei campi rom