EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Israele, centinaia di militari nelle strade contro l'intifada dei coltelli

Israele, centinaia di militari nelle strade contro l'intifada dei coltelli
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Centinaia di militari presidiano le città israeliane e il centro di Gerusalemme. Settimane di attacchi all’arma bianca, in prevalenza da parte di

PUBBLICITÀ

Centinaia di militari presidiano le città israeliane e il centro di Gerusalemme. Settimane di attacchi all’arma bianca, in prevalenza da parte di giovani palestinesi e arabi israeliani,
hanno scatenato una vera e propria paranoia.

La dimostrazione è arrivata nella serata di domenica a Bersheeva, quando un beduino di ventun anni con cittadinanza israeliana ha sparato a un militare in una stazione degli autobus, uccidendolo, per impadronirsi poi del suo fucile e ferire altre nove persone.

Nel fuggi fuggi generale, ci è andata di mezzo un’altra vittima innocente. Un richiedente asilo eritreo, scambiato per un complice dell’assalitore e linciato dalla folla.

L’invito che il premier israeliano Netanyahu ha rivolto agli israeliani, ovvero dotarsi di un’arma da fuoco e allenarsi al poligono, sembra dettato più dalla disperazione che da una strategia vera e propria. Certo è che molti lo hanno preso sul serio.

Il premier ha dovuto invece fare marcia indietro sull’idea di posizionare barriere rimovibili in diversi quartieri di Gerusalemme, per proteggere i rioni ebraici dalle pietre lanciate da quelli arabi. Un’iniziativa contestata dagli stessi israeliani che considerano la città capitale indivisibile dello Stato ebraico.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I muri in Medio Oriente

Israele sequestra attrezzatura Ap e blocca diretta su Gaza: ha usato la legge anti Al Jazeera

Netanyahu: annuncio del mandato di arresto della Corte penale internazionale "nuovo antisemitismo"