Migranti: l'Ungheria chiude il confine anche con la Croazia. I rifugiati bloccati si dirigono verso la Slovenia

Migranti: l'Ungheria chiude il confine anche con la Croazia. I rifugiati bloccati si dirigono verso la Slovenia
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Proprio come era successo un mese fa con la Serbia, a partire dalla mezzanotte di sabato l’Ungheria ha chiuso il confine con la Croazia per bloccare

PUBBLICITÀ

Proprio come era successo un mese fa con la Serbia, a partire dalla mezzanotte di sabato l’Ungheria ha chiuso il confine con la Croazia per bloccare il flusso di migranti in arrivo. Il governo ha reso noto che per consentire ai profughi di presentare comunque ufficialmente la domanda di asilo saranno istituite due zone di transito.
La chiusura del confine con la Croazia ha fatto scattare un immediato allarme nella vicina Slovenia, possibile nuovo itinerario della marea di profughi. Ecco che quindi il governo sloveno ha deciso di sospendere il traffico ferroviario dalla Croazia.
Il ministro dell’Interno croato, Ranko Ostojic, spiega cosî la situazione: “Stiamo spostando il corridoio verso la Slovenia. Questo vuol dire che dobbiamo rispettare le regole perchè non c‘è un accordo preciso con la parte slovena sul “Piano C”, ossia il piano croato. E’ importante che fino a quando Austria e Germania accetteranno migranti, la Slovenia lasci passare la gente che arriva in Croazia e che ha come obiettivo quello di andare in Germania e in Austria”
Intanto il viaggio della speranza e della disperazione di queste migliaia di persone si fa sempre più duro. E lo sarà sempre di più, anche a causa del freddo arrivato negli ultimi giorni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crisi dei migranti: Budapest chiude anche la frontiera con Croazia

Ucciso un migrante afgano in Bulgaria

Ungheria, la candidata della sinistra chiede elezioni anticipate: La gente non vuole più Orbán